Latteria Sociale Antigoriana di Crodo: tradizione e cooperazione da oltre 50 anni

La Latteria Sociale Antigoriana di Crodo nasce nel 1965 su iniziativa del Cavaliere Silvio Fobelli, allevatore di razza bruna e Sindaco di Crodo, per unire i produttori di latte delle valli ossolane. La latteria è oggi Società Cooperativa Agricola, associata a Fedagri Confcooperative Piemonte: la sua mission è assistere le aziende consociate, raccogliere e trasformare il latte, innovare il prodotto nel rispetto della tradizione, curare la commercializzazione. La Latteria fu per i tempi un intento coraggioso e all’avanguardia e tutt’ora costituisce l’elemento di traino dell’intera zootecnia ossolana. Il nome della Latteria deriva infatti dalla sua ubicazione, a Crodo (VB) in valle Antigorio. Oggi la Cooperativa associa trenta aziende zootecniche con circa 1.400 capi la cui produzione rappresenta oltre il 70% del latte prodotto in provincia e la pratica dell’inalpamento degli animali è ancora attivamente praticata.

La Latteria ha fatto della tipicità una filosofia di lavoro: un rigoroso controllo della qualità del latte, l’attenzione alla tradizione casearia, la tracciabilità della filiera, il rispetto dell’ambiente, la limitata produzione permettono una lavorazione ancora artigianale, a tutto vantaggio della genuinità del prodotto. Abbiamo chiesto al Direttore della Latteria, Gianni Tacchini, di raccontarci qualcosa in più su questa importante realtà montana.Quali sono le attività più importanti della vostra Latteria?
“Principalmente una produzione casearia che tiene conto della tradizione: produciamo anche formaggio fresco e yogurt ma la nostra specializzazione è soprattutto quella della vendita diretta al cliente.”Cosa vi permette di distinguervi sul mercato?

“Nella realtà piemontese essere sicuramente una realtà montana che è sopravvissuta con le proprie forze e che ha saputo unire produzione e trasformazione. Inoltre fondamentale è essere capofila nella produzione dellOssolano, che è una D.O.P. assegnata alla nostra Cooperativa.”Con quale spirito ha affrontato o sta affrontando questi ultimi anni la Latteria di Crodo?
“Cercando di aumentare la penetrazione nel mercato e la vendita diretta, che è un’importante attività che garantisce la gestione delle risorse. Infine, soprattutto, abbiamo instaurato un rapporto trasparente e franco con le banche che ci hanno sempre dato una mano nei momenti di maggiore difficoltà.”